sabato 23 giugno 2012

Viola Valentino ritorna più forte, profonda e.. "Stronza"

La musica, è noto, ha il potere di portarti avanti nel tempo così come scagliarti come un missile verso memorie antiche, verso verso ricordi belli o tristi legati a note specifiche. Ho vari aneddoti legati alla musica di Viola Valentino, ad esempio: non soltanto momenti spensierati inerenti a serate estive con amici ma anche e soprattutto un viaggio in macchina, lo scorso anno, quando di notte sentii passare da una nota emittente radiofonica il brano "Le prove di un addio". Una bellissima canzone nelle cui parole ho letto forza, nella cui melodia ho sentito necessità di reazione. Viola Valentino ne è l'interprete e da poche settimane è tornata al mondo delle sette note pubblicando un nuovo, interessante, singolo dal cui titolo si può già intuire lo spirito combattivo di chi la fa propria, "Stronza" (acquistabile su I-Tunes cliccando qui). Una bellissima prova di interprete che canta parole distanti anni luce dai tormentoni  firmati Valentino e targati anni Ottanta. La crescita è necessaria e l'esperienza porta alla rivoluzione, sia interiore che professionale. Amo questa "Stronza" e per questo ho deciso di intervistare Viola Valentino per capirne gli intenti, le speranze ma anche e soprattutto le idee che stanno alla base del suo mondo artistico-musicale che mai si è arrestato ma, anzi, evoluto. In attesa della pubblicazione dell'EP "Panna, Fragole e Cipolle", ecco cosa mi ha detto Viola:

"Stronza" now on I-Tunes

"Stronza" segna il tuo grande ritorno alla musica d'autore. Non te ne sei mai andata, a dire il vero, nonostante gli ostacoli che l'industria discografica pone. A chi è dedicato questo brano e quali sono le tue aspettative a riguardo?
IL BRANO L'HO DEDICATO A ME STESSA ED E' MOLTO AUTOBIOGRAFICO: LE ASPETTATIVE COME OGNI VOLTA SONO DI SPERANZA, CHE VENGA GRADITA DALLA GENTE E CHE VENGA AMATA COME SEMPRE.

Credi che l'Italia, dal punto di vista professionale, sia un Paese meritocratico? 
IO CREDO CHE IN OGNI NAZIONE, NON SOLO IN ITALIA, SI RAGGIUNGANO DEGLI OBIETTIVI PER MERITOCRAZIA, E QUESTA SAREBBE LA COSA MIGLIORE. PURTROPPO IN ITALIA CI SONO DEI PERSONAGGI NON TROPPO MERITEVOLI CHE PERO' VENGONO SPINTI DALLE GRANDI MAJOR.

La tua musica viaggia, da tanti anni, su una dimensione più profonda ed intimistica. Penso ad "Alleati non ovvi" e all' ep di prossima pubblicazione "Panna Fragole e Cipolle". Perché, però, secondo te continui ad essere relegata al ruolo di cantante leggera, che fa divertire? Hai mai vissuto come un peso, una condanna, i tuoi tormentoni targati Anni '80?
NO, NON HO MAI VISSUTO COME UN PESO I MIEI TORMENTONI ANNI '80 E NON MI RITENGO UNA CANTANTE LEGGERA E CHE FA DIVERTIRE MA SEMPLICEMENTE UNA CANTANTE POP CHE RACCONTA LA VITA ALLORA COME ORA.

Cosa vuoi raccontare con la tua nuova musica e quale vorresti fosse il messaggio percepito dal pubblico?
SEMPLICEMENTE QUELLO CHE DICO: NON SONO UN CANTAUTORE, NON LANCIO DEI MESSAGGI PRECISI, DICIAMO CHE MI OCCUPO DA SEMPRE DI DIRITTI CIVILI E DI PARI OPPORTUNITA' E QUINDI NEI MIEI BRANI I PIU' ATTENTI POTRANNO CAPIRE CHE CI SONO DEI MESSAGGI PER ALTRO MOLTO ESPLICITI. VEDI "DAESY", VIOLENZA PSICOLOGICA, VEDI "DOMANI E' UN ALTRO GIORNO", BRANO CONTRO L'OMOFOBIA, VEDI "I TACCHI DI GIADA", STUPRO! VEDI "LUNGOMETRAGGIO", DISCRIMINAZIONE RAZZIALE.

Ci sono, musicalmente parlando, episodi della tua carriera che vorresti dimenticare e, viceversa, momenti che, secondo te, avrebbero meritato di più?
CI SONO MOMENTI, MOMENTI BELLI.... E BISOGNA VIVERLI INTENSAMENTE, MOMENTI MENO PIACEVOLI E BISOGNA VIVERLI INTENSAMENTE. VIVO LA MIA VITA GIORNO PER GIORNO, CANTO LA MIA VITA GIORNO PER GIORNO... NON C'E' UN GIORNO MIGLIORE E UN GIORNO PEGGIORE, C'E' LA VITA CHE VA.
Dove potremo vederti prossimamente?
IN CONCERTO IN GIRO PER L'ITALIA. TROVERETE LE MIE NEWS SUL MIO SITO O SU VIOLA VALENTINO OFFICIAL, SU FB.

me & Viola Valentino

Nessun commento:

Posta un commento