giovedì 28 novembre 2013

La (ri)nascita di Loretta

Ci sono casi in cui chiamare una persona col proprio nome significa acclamare la leggenda. Loretta Goggi fa parte di questa casistica. Lei stessa fatica a comprendere l'amore di un pubblico sempre più vasto e variegato che da decenni la segue tra tv, musica e teatro: non riesce a darsi una spiegazione, Loretta, del perché nelle platee che l'applaudano ci siano bambini così come anziani o, ancor meglio, intere famiglie che vivono la sua dimensione artista col medesimo entusiasmo. 


Eppure basterebbe pensare anche solo alla più piccola parte del repertorio artistico e culturale della Goggi per accorgersi che venerare un'attrice, una cantante, una ballerina, una presentatrice, un'imitatrice, una doppiatrice non è poi così sbagliato e lontano dalla logica: soprattutto non è così comune. 


Loretta Goggi mantiene oggi come allora l'entusiasmo innato di chi si approccia allo spettacolo con devozione e preparazione: la forza delle sue performances così come quella del potere comunicativo che l'Artista possiede sono caratteristiche emblematiche di un talento legato indissolubilmente al mito. 


Non sorprende, dunque, che Loretta Goggi abbia ad oggi la voglia di rinascere, di sconvolgere nuovamente i piani con le idee legate alla sua voglia di far spettacolo. In grande. "Io nascerò", il titolo del volume autobiografico appena dato alle stampe, racconta proprio come l'Artista Loretta Goggi, ma ancor di più la donna, possa trarre forza dalle proprie fragilità per poter approdare a nuovi livelli, a nuove consapevolezze, a nuove dimensioni nelle quali far prevalere il talento sopra il perbenismo o il vuoto concettuale. 


Attraverso le sofferenze affrontate nel momento in cui ci si ritrova per la prima volta nella vita ad essere sola, la Goggi illumina il suo pubblico con la speranza ed il sorriso da sempre emblemi del suo modus operandi. Una vita, quella di Loretta Goggi, che davvero coincide con lo spettacolo: quello del saper vivere, del saper imparare e trasformarsi in una leggenda.


Nessun commento:

Posta un commento