domenica 24 novembre 2013

Arisa, un libro da ascoltare

Come un bambino, così una carriera può seguire lo stesso percorso evolutivo: nasce piccola, piccola e nell'arco di pochi anni può, guardandosi allo specchio, vedersi come un'altra persona. E'passato poco tempo, magari pochissimi anni, ma chi è cresciuto, volente o nolente, si è trasformato, evoluto in qualcosa di più complesso e bello. 


Arisa non è immune a questo percorso e nei 4 anni intercorsi dalla sua prima plateale apparizione pubblica ad oggi ci troviamo di fronte ad una donna, ad una cantante, ad una doppiatrice, ad un'attrice e ad una scrittrice. Di successo. 


"Non ho mai fatto nessuna scuola di recitazione. Non ho mai seguito corsi di canto, di doppiaggio, di scrittura creativa. Non ho mai fatto nulla. E questo contribuisce all'immagine trattenuta e bassa che ho di me: per quello che non ho fatto piuttosto che per quello che ho fatto mi dico di volar bassa, di non pretendere, di non aspirare a chissà che cosa" dichiara con disarmante sincerità Arisa nel corso della presentazione pubblica del suo nuovo libro, "Tu eri tutto per me". 


Un libro che, per chi conosce Arisa e la sua produzione artistico-musicale, non si discosta poi così tanto dalle sensazioni evocate e sperate nei testi già cantati con successo dalla stessa: l'amore disilluso, l'amore sognato, l'amore atteso ed ingannato. Il vivere a metà tra una speranza e la paura della sua realizzazione, il preferire l'umiliazione dell'autoconvincimento alla verità di un sogno crollato: il tutto attraverso il rapporto narrato di una coppia il cui componente maschile non ha un nome. Rappresenta semplicemente uno stereotipo. 


Arisa dimostra di non aver paura della verità: quella di essere e scrivere se stessa attraverso scelte ideologiche e sentimentali in perfetta adesione emotiva col suo sentire e il suo non voler "giocare facile". Come il bambino che si sviluppa di cui sopra, anche Arisa vuole crescere e lo fa coinvolgendoci nel suo meraviglioso processo di vita. Di scrittura. Di musica. Di voce.


Nessun commento:

Posta un commento