giovedì 14 marzo 2013

Lo spirito indistruttibile di Nelly


Quando, ormai tanti anni fa, il mondo la scoprì attraverso il folk di "I'm like a bird" si gridò al miracolo: evento confermato dai successivi singoli estratti dall'album di esordio. Nelly Furtado è stata consacrata a star di prima grandezza proponendosi come assoluta novità nel panorama della musica mondiale: se da una parte lo scontro tra le rivali è a colpi di nudità e provocazioni, Nelly ha combattuto con la semplicità del suo sentire e con canzoni talvolta fortissime, altre meno, sempre fedeli al suo mondo fatto di terra, energie, vibrazioni. 

Nelly Furtado on stage at Alcatraz
Nelle montagne russe della celebrità la Furtado è già caduta diverse volte ed è sempre stata in grado di rialzarsi e ripartire amplificando l'anima che le detta musica. Ed è proprio l'anima, lo spirito, ad essere al centro del nuovo cammino di Nelly: una personalità libera e forse per questo indistruttibile. 

Nelly Furtado live at Alcatraz
"The Spirit Indestructible Tour" è approdato ieri sera nella mia amata cornice dell'Alcatraz di Milano dove si è consumata un'ora e mezza di buona musica, protagonista di uno show piacevole e veloce nel suo insieme. 


Niente esagerazioni per Nelly Furtado: reduce da un disastroso risultato discografico, la cantante ha fatto ben capire a chi l'ha ascoltata di che pasta -e note- sono fatte le nuovi canzoni messe in disparte dai media. 

Nelly Furtado live at Alcatraz
Dalla title track sino a "Waiting for the night", le ultime creazioni della cantante sono state forse il punto più alto dello spettacolo conclusosi con una "Meneater" attesa dal pubblico come acqua dopo una permanenza forzata nel deserto. 


Lo "spirito indistruttibile" di Nelly Furtado sta forse in questo: nel rappresentare, con disarmante semplicità, tutte le donne del mondo vittime, per lo più, di un "crimine" chiamato gravidanza. Una volta mamme, le popstar già consolidate devono spesso fare i conti con una sorta di nuova gavetta: ecco, dunque, dove serve la forza, l'energia, per mettere da parte l'orgoglio e concentrarsi sul talento, sulle idee. 

Nelly Furtado live at Alcatraz
E Nelly Furtado lo fa e l'ha fatto con normalità, con semplicità, senza effetti speciali o trovate sceniche memorabili: nulla se non voce e sorrisi.

me and Nelly Furtado
Nelly Furtado live at Alcatraz




5 commenti:

  1. amo leggere ciò che scrivi...come descrivi ciò che vivi, quello che senti o che pensi...come lo trasmetti a noi...le tue foto...bravo Marco!

    Luca Santoni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Luca!!! Quello che mi hai detto vale molto di più di ogni altra aspirazione e/o aspettativa: uso questo spazio -così come per gli altri social- per comunicare quello che mi appassiona e che mi permette di dare un senso alla mia vita. La musica, i concerti, la fotografia.. e se tu senti nelle mie parole quello che provo.. bè, allora per me è un importante traguardo questo.
      Ti abbraccio!
      Marco

      Elimina
  2. oh...che bell'articolo..e qualcuno che apprezza l'ultimo cd di nelly! totalmente sottovalutato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, Emiliano.. per quanto poco possa valere il mio parere, credo che sempre più sia necessario prendere le distanze dall'uso commerciale dell'Arte, della musica: intendo ciò che propinano le radio. Tanti tesori, i più, non vengono considerati ma se unissimo le nostre forze e menti nel supporto di quello che ci piace in contrasto a ciò cui siamo costretti.. qualcosa accadrebbe.

      Elimina
  3. Come sempre riesci a riassumere l'evento manifestando bellissime emozioni. Io c'ero all'Alcatraz, e quella sera mi innamorai perdutamente anche di Celia Palli! (amore che mi ricambiò nei gg seguenti con due suoi re-tweet #chisiaccontentagode). Hehehe!!
    Grande serata, grande Nelly e come sempre bravo Marco!

    RispondiElimina