venerdì 14 settembre 2012

Belen e la fatica

Quella di farsi fotografare. Ho detto una bestemmia?! Se non fossi io a scrivere, non crederei a quello che leggo. E che ricordo di aver visto. Ieri ho partecipato ad un bellissimo evento organizzato da Linkem per la presentazione alla stampa della nuova campagna pubblicitaria che vede -strano, eh?!- Belen Rodriguez come protagonista al fianco della pallavolista Federica Piccinini

Belen Rodriguez for Linkem
Nonostante la press conference avesse le 18,30 come data di inizio, la stupenda, ma anche di più, diva argentina si è presentata in sala con solo un'ora e mezza di ritardo: amen, come le spose, le divine o presunte tali devono farsi attendere perché fa figo. 

Belen Rodriguez for Linkem
Ad ogni modo, scagliata dinnanzi ai fotografi per il consueto photocall con quale pubblicizzare la ditta che l'ha ingaggiata, Belen ha detto stop alle foto dopo 7 secondi 7 adducendo al fatto che tanto avevamo già abbastanza scatti; e poi, come lei stessa si è chiesta, che cosa avrebbe dovuto fare davanti a tutti quei flash che l'hanno accecata?! Non è una barzelletta. 


La prima volta che ho incontrato e conosciuto Belen..ancora non stava con Borriello: diciamo che negli anni ho avuto la fortuna di incontrarla spesso lungo il cammino, specie quando ho lavorato col suo ex, ed una costante che la riguarda che mi ha sempre entusiasmato è la sua allegria, spontaneità e disponibilità. 

Belen Rodriguez & Federica Piccinini for Linkem
Ora, nel ruolo della diva capricciosa con le labbra forse pizzicate da una vespa poiché magicamente più gonfie, fatico un pò a riconoscerla. Non fosse per quel corpo mozzafiato che alla fin, fine, capisco, le fa perdonare tante cose. 

Belen Rodriguez for Linkem
Del suo privato non mi importa nulla: credo che lei, molto più di altre, abbia dalla sua una grande bravura e che sia probabilmente nata col microfono in mano. Non ridete. 

Belen Rodriguez for Linkem

Nessun commento:

Posta un commento