sabato 13 giugno 2015

I Maroon 5 e il Paradiso

Adam Levine e i suoi Maroon 5 alla fine ce l'hanno fatta: dopo anni di attesa la loro musica ed un carico indescrivibile di ormoni hanno riempito il Forum di Assago lasciando a bocca aperta oltre 12000 spettatori.


Un sold-out prevedibile e quanto mai meritato per chi, con una carriera quasi ventennale alle spalle, non ha mai sbagliato un solo colpo o, per meglio dire, una sola nota: le due ore di concerto scorrono con la stessa velocità con cui si sceglie una playlist per i momenti migliori.


Niente chiacchiere, niente effetti speciali: tutto quello che serve è lì, su quel palco faraonico riempito dal talento indicibile di una band e del proprio leader che, una dopo l'altra, presentano al pubblico in delirio hit in successione come si trattasse di una catena di montaggio.


Adam Levine è l'effetto speciale dello show: lo è perché connaturato con la sua persona quello di essere semplicemente un capolavoro.


Impossibile non ricordare, e che Dio ci preservi per sempre dall'Alzheimer, la parte finale dello show, il tanto sospirato reprise in cui il divino Levine si denuda concedendosi alla folla senza t-shirt.


Ovviamente cantando con disinvoltura altre tre indimenticabile canzoni, altri tre successi planetari, ultimo dei quali il nuovo singolo "This summe's gonna hurt like a mother fucker". E, si, se davvero queste sono le premesse c'è da scommettere che questa estate ci riserverà parecchi colpi. Al cuore.

Altre foto QUI









Nessun commento:

Posta un commento