giovedì 23 agosto 2012

Il mondo di Goran

Più che un concerto è stata un'esperienza che ha coinvolto tutti i sensi dei quali disponiamo: non c'era solo il suono ma anche e soprattutto la visione di qualcosa di nuovo, inedito, i profumi di una diversa dimensione, la percezione tangibile di essere in un contesto fuori dal normale eppure così naturale. 

Goran Bregovic live on stage
Tutto questo è stato Goran Bregovic che ho potuto ammirare per la prima volta (e non sarà l'ultima) qualche sera fa sulle colline di Rimini, a Rontagnano. Lì, dispersi tra i colli, si è creata una vera comunità: giovani e giovanissimi insieme a genitori e nonni hanno dato vita ad una festa: mentre sul palco il talentuoso Bregovic ci accompagnava alla scoperta del suo mondo, lì, nel prato, la gente sudava musica e la rendeva ancor più viva attraverso la voglia e la necessità di esprimersi con balli, grida, sorrisi e anormalità. 

Goran Bregovic live on stage
La stessa che accompagna l'intero percorso musicale ed artistico di Goran Bregovic che ha approfittato della serata per presentare in anteprima alcuni brani dal nuovo album di prossima uscita, "Champagne for gypsies" da cui lo spettacolo ha preso nome. 


Goran Bregovic live on stage
"Chi non diventa pazzo non è normale!" grida il musicista dal palco e la folla non fatica a rendere concrete le sue convinzioni: ognuno ha abbandonato il propio status di spettatore per diventare partecipe di una festa, di un evento, che implica necessità di essere, di espressione, bisogno di libertà e quindi di non arrendersi ad uno scontato bon ton. 

the crowd getting crazy

Nessun commento:

Posta un commento