mercoledì 21 gennaio 2015

Carmen e l'abitudine

C'è chi si abitua alla mediocrità dimenticando cosa sia la sorpresa e chi, raramente, ad esprimersi solo e soltanto quando la correttezza ideologica, umana ed esistenziale sono allineate lungo lo stesso orizzonte. 


E', quella, un'insolita abitudine che conduce Carmen Consoli a ripresentarsi al suo pubblico dopo una lunga assenza: un silenzio che è coinciso col vivere, col reinventarsi una nuova esistenza riappropriandosi del passato, gestendolo come patrimonio per il futuro. 


Con "L'abitudine di tornare" la Consoli racconta la donna che è: una mamma, un'essere umano desideroso di stupirsi di fronte al sole; una ragazza impertinente ma educata, vorace nel cantare degrado, speranze ed umiliazioni ma anche e soprattutto felice. 


Felice per questa nuova primavera fatta di note, di nuove responsabilità, di conti fatti con la rabbia di una volta che ora diventa forza e sincerità: ed è quello che si legge nei sorrisi della "nuova" Carmen Consoli, che si ascolta nella sua nuova musica. 


Quella di sempre: onesta e sincera perché, come dice la Cantantessa, "incido solo quando mi va, quando ne sento la necessità". Ben tornata, Carmen!




giovedì 15 gennaio 2015

L'esempio di Anastacia

Dovrebbe essere obbligatorio, in un presente così tristemente mediocre, assistere ad un concerto di Anastacia


Le motivazioni sono molteplici: si parte dalla Voce per arrivare alla forza, si passa attraverso la Musica per approdare al coraggio. Quello di essere una donna animata da una passione per quello che fa che ha del miracoloso: e non ci vuole molto per capire che per Anastacia la musica è vita, è aria, è ossigeno per respirare ma, ancor di più, è un sogno che ha l'aspetto della concretezza. Del possibile. 


Il "Resurrection Tour" è approdato ieri sera al Fabrique di Milano lasciando il segno: dai capelli spettinati dalla potenza vocale di Anastacia alla forte, fortissima sensazione che sia necessario inchinarsi davanti ad un tale esempio. 


Una donna che con umiltà e determinazione china il capo e ricomincia da dove si era fermata dimostrandoci come piegare la vita ai propri desideri: semplicemente quelli di vivere per quel che si ama. 


La passione. L'amore. La musica. Che per Anastacia ed il suo pubblico sono esattamente la stessa cosa.







martedì 13 gennaio 2015

Le parole in circolo di Mengoni

Il concetto di fondo è la comunicazione: l'attenzione alla parola che va di pari passo con l'immagine, la scelta minuziosa dei contenuti che spiegano ed amplificano le sensazioni. 

presentazione "Parole in circolo" @ La Feltrinelli
Le nuove note di Marco Mengoni corrono veloci, quasi silenziosamente rumorose: musica che viaggia lungo i binari giusti, quelli a cui era ed è giustamente predestinata. La mancanza di momenti di vuoto, di disattenzione, facilmente si spiega col fatto che "Parole in circolo" non è altro che un album semplicemente perfetto: ideato, sentito, vissuto con passione e sentimento, con le prerogative che impediscono ad un vero Artista di prendere in giro il proprio pubblico. 

presentazione "Parole in circolo" @ La Feltrinelli
Il ritorno di Mengoni lascia il segno dal primo attacco, dalla prima nota: la sua crescita personale e soprattutto artistica accoglie il pubblico trascinandolo in una ricerca continua di verità, necessità, bisogni. Di amore in primis: per se stessi, per essere, con coraggio, "esseri umani": quella che dovrebbe essere la base più scontata di ogni esistenza viene invece dipinta da Marco Mengoni come una conquista ideologica che ha il sapore del traguardo più agognato ed atteso. 


Quello dell'assenza di limiti. E nei brani di "Parole in circolo" è impossibile non cogliere la sicurezza e la consapevolezza con cui Mengoni si muove nel terreno musicale che ha conquistato e che, finalmente, dipende solo e soltanto da lui: ecco il suo regalo per il pubblico, dunque. 


Musica che suona di libertà.







presentazione "Parole in circolo" @ La Feltrinelli
presentazione "Parole in circolo" @ La Feltrinelli
presentazione "Parole in circolo" @ La Feltrinelli