venerdì 31 maggio 2013

Elhaida, la nuova voce d'Italia

Alla fine ce l'ha fatta: dopo una gestazione di alcuni mesi, innumerevoli ore di audizioni, battaglie e sfide a colpi di ugole, "The Voice of Italy" ha partorito la sua prima Voce attraverso i tripudi che la gente le ha riservato. E' Elhaida Dani la vincitrice di questa prima edizione dello show. 


Nonostante l'inedito da lei presentato "When love calls your name" sia stato a mio avviso il più debole dei quattro finalisti, Elhaida ha vinto grazie ad una Voce in grado di interpretare differenti strade, di sapersi confrontare con più stili uscendone sempre e sorprendentemente a testa alta e soprattutto con le standing ovation da parte del pubblico in sala. 


E' stata soltanto dopo una sua performance che la gente ha iniziato a gridare "Ancora, ancora!" a sottolineare il carattere emozionale e nello stesso tempo struggente delle sue corde vocali. Elhaida Dani ha realizzato un piccolo miracolo ieri sera quando, insieme al suo coach Riccardo Cocciante, si è esibita sulle note di "Margherita" regalandoci un momento di vera poesia. 


Già abituata a vincere, c'è da dirlo, Elhaida Dani da anni ha lasciato il segno nella sua Albania vincendo un altro talent di prestigio e presenziando ad innumerevoli eventi di spessore: è ora la volta dell'Italia. Mi domando cosa le riserverà il futuro temendo per la scarsità di idee che l'Italia discografica presenta: quando, mesi fa, vidi Elhaida per la prima volta alle blind auditions immaginai subito che sarebbe arrivata in finale, così come per Timothy Cavicchini (secondo classificato), probabilmente grazie alla spontaneità dell'esibizione rock, alla natura selvaggia e sentita del pezzo presentato. 


Con quella voce, Elhaida, puoi fare tutto: l'importante è che ora usi pure il cervello per dire "no" ad eventuali patetiche, scontate canzonette atte ad evidenziare un acuto piuttosto che il cuore o il talento stesso. Tanti in bocca al lupo per la nuova Voce d'Italia... di sicuro in buone mani avendo come maestro Cocciante e i suoi musical.




domenica 19 maggio 2013

Beyoncé: venere, sirena e femminista. Show al top

Uscire da un concerto con la sensazione che, sforzandosi, non si sarebbe potuto chiedere di più non è cosa scontata, anzi. La signora Carter, alias Beyoncé, c'è riuscita. 

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini
Di fronte ad undicimila fans adoranti ha preso vita nella cornice del Mediolanum Forum di Milano l'attesissimo "Mrs Carter Show World Tour": un'esplosione di suoni, danze, costumi, luci e vocalizzi che avrebbero tranquillamente frantumato i bicchieri di birra dei presenti se solo fossero stati concessi. 

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini
Un pò venere, un pò sirena, ma sicuramente femminista: nonostante Beyoncé abbia titolato il tour col cognome del marito Jay Z, la superstar catalizza l'attenzione del pubblico presentandosi con una band di soli elementi femminili e cominciando il grandioso show con "(Girls) Run the world" a sottolineare come le donne siano in grado di imprese faraoniche e destinate all'immortalità spesso sconosciute al genere maschile. 

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini
Lei ne è l'esempio vivente e modello di riferimento per un'intera generazione. Una femminilità, quella di Beyoncé, che si esprime col corpo usato come strumento di danza ed un ugola d'oro al di sopra di ogni strumento presente in sala. 

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini
Donne, costumi, video e tante luci a far da contorno all'energia di Beyoncé che non ha tradito le aspettative grazie ad un concerto dove per due intere ore non ha conosciuto soste, cali di interesse, scivoloni. L'uragano Beyoncé si è abbattuto sull'Italia ed ha lasciato il segno: chi, ancora oggi, non sogna di avere la folta chioma riccia costantemente al vento come il proprio idolo?
Per vedere i video della serata cliccate QUI

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini

Beyoncé live in Milan
photo: Marco Piraccini



sabato 11 maggio 2013

Radio Italia Live: l'essenziale è Mengoni

Oggi Milano è una città bellissima... ancora più del solito perché nel suo cuore, in Piazza Duomo, tante voci scaldano ancor di più l'atmosfera grazie ad un maxi concerto gratuito organizzato da Radio Italia. Tanti i protagonisti pronti a sfilare a colpi di ugola d'oro sul palco: da Raf ai Negramaro, da Eros Ramazzotti a Nek, da Alessandra Amoroso a Marco Mengoni e così via. 

Marco Mengoni @ Radio Italia Live
photo: Marco Piraccini
Per me l'impulso è stato irrefrenabile: mancare sarebbe stato -ed è- come decidere di non guardare "Burlesque" per la milionesima volta per me. Ho avuto la fortuna e la forza di assistere alle prove dello show all'ora di pranzo: milleottocento gradi almeno, digiuno, assetato.. ho deciso e voluto attendere. Poi è arrivato Marco Mengoni: dapprima l'ho visto -e per questo ringrazio i miei quasi due metri di altezza- dirigersi al truck di Radio Italia per un'intervista al termine della quale.. il palco è stato tutto suo. 

Marco Mengoni @ Radio Italia Live
photo: Marco Piraccini
"In un giorno qualunque", "Pronto a correre", "L'essenziale": tre canzoni, tre stati d'animo, miliardi di emozioni. Poi tanti sorrisi, la bellezza del vedere una persona realmente realizzata godere della propria tenacia, il sentirsi parte di un amore che circonda tutto, che costruisce questa dimensione.


Marco Mengoni @ Radio Italia Live
photo: Marco Piraccini
Mezz'ora di musica, di sensazioni, di belle foto al termine della quale, consapevole del fatto che probabilmente ero sul punto di sciogliermi, mi son reso conto che, sì, dopotutto Marco Mengoni rappresentava e rappresenta "l'essenziale" di questo concerto. Sono tornato a casa. Felice.

Marco Mengoni @ Radio Italia Live
photo: Marco Piraccini

Marco Mengoni @ Radio Italia Live
photo: Marco Piraccini

Marco Mengoni @ Radio Italia Live
photo: Marco Piraccini

Marco Mengoni @ Radio Italia Live
photo: Marco Piraccini

Marco Mengoni @ Radio Italia Live
photo: Marco Piraccini

giovedì 9 maggio 2013

Nata per essere Lana

E' davvero curioso nonché sorprendentemente importante parlare di Lana Del Rey: sfuggono i paragoni, i rimandi e ci si trova di fronte a quello che il tempo non produce più da anni, il Nuovo. 

Lana Del Rey live in Milan
photo: Marco Piraccini
Ascoltare Lana Del Rey dal vivo, nella cornice del suo "Paradise Tour", è un'esperienza sensoriale ancor più che fisica: ci si perde nel gusto retrò di fumosi locali in cui blues e jazz fanno da padroni per poi ritrovarsi ipnotizzati dalle sensuali movenze di una creatura fuori dal tempo o, nello specifico, molto più avanti rispetto al momento storico che stiamo vivendo. 

Lana Del Rey live in Milan
photo: Marco Piraccini
Lana incanta dimostrando maturità vocale e totale padronanza del palcoscenico: dimostra ed insegna come si possa arrivare semplicemente filtrando il proprio genio attraverso l'assoluta aderenza emotiva alle liriche che si stanno cantando e così può accadere che diecimila e più persone si ritrovino unite sotto lo stesso tetto senza cercare tra le luci e le proiezioni sui videowall lo scandalo, la nudità, la provocazione. 

Lana Del Rey live in Milan
photo: Marco Piraccini
Può accadere che si abbia semplicemente voglia di godere di ottima musica, di provare l'ebbrezza di ammirare e respirare una novità, di avvertire un orgasmo musicale raggiunto da archi e violini che per una volta suonano dal vivo accompagnando ed accarezzando le fragilità, così come la forza, di una piccola, grande creatura che si affaccia al mondo sicura di sè, diversa dal resto, sincera nell'affermare le proprie intenzioni e l'amore per chi la supporta.


Così la mezz'ora di sorrisi, abbracci, baci e foto col pubblico che la osanna al termine del concerto divengono un trionfo dell'anima: sua, certamente, ma anche e soprattutto nostra, graziati da tanta bellezza. Di musica, di sentimenti.

Lana Del Rey live in Milan
photo: Marco Piraccini
Lana Del Rey live in Milan
photo: Marco Piraccini
Lana Del Rey live in Milan
photo: Marco Piraccini
Lana Del Rey live in Milan
photo: Marco Piraccini
Lana Del Rey live in Milan
photo: Marco Piraccini
Lana Del Rey live in Milan
photo: Marco Piraccini